X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 21 ottobre 2018

Notizie in breve

Solo determinati enti bilaterali possono certificare i contratti di lavoro

/ REDAZIONE

Mercoledì, 14 febbraio 2018

L’Ispettorato nazionale del Lavoro interviene, con la circolare n. 4/2018, a fronte delle segnalazioni circa lo svolgimento dell’attività di certificazione dei contratti di lavoro da parte di soggetti – nella specie, “pseudo” Enti bilaterali – totalmente privi dei requisiti richiesti a tal fine.

Il riferimento è alla procedura a carattere volontario, di cui agli artt. 75 ss. del DLgs. 276/2003, finalizzata ad attestare, su istanza delle parti, che il contratto di lavoro che esse intendono sottoscrivere (o tra di esse intercorrente) rispetta le prescrizioni di forma e contenuto previste dalla legge, con conseguente correttezza della qualificazione e dell’inquadramento prescelti, in modo da ridurre il contenzioso.

Il ricorso alla stessa produce effetti importanti, tra cui l’impossibilità, per i terzi – compreso il personale ispettivo – di contestare direttamente le risultanze dell’attività certificativa. In caso di contratto di lavoro certificato, infatti:
- gli effetti del provvedimento permangono, sia tra le parti che verso i terzi - tra cui, come si è detto, gli organi di vigilanza - sino alla pronuncia di una sentenza di merito che, su ricorso di uno degli interessati, accerti l’erronea qualificazione del contratto o la difformità tra il programma negoziale certificato e la sua attuazione ovvero l’esistenza di vizi del consenso;
- detti organi non possono, dunque, procedere direttamente a riqualificare il rapporto e ad avanzare pretese contributive o sanzionatorie, essendo anche per loro necessario ottenere una sentenza che rimuova gli effetti preclusivi della certificazione. Quest’ultima è, quindi, riservata esclusivamente a Enti – le Commissioni di certificazione – in possesso di specifici requisiti.

In particolare, in caso di Enti bilaterali, deve trattarsi, in linea con la definizione di cui all’art. 2, lett. h) del DLgs. 276/2003, di soggetti costituiti a iniziativa di una o più associazioni dei datori e dei prestatori di lavoro dotate, per ciascuna parte, della maggiore rappresentatività in termini comparativi. In mancanza, l’organismo non può ritenersi abitato a svolgere l’attività di cui si tratta. Gli ispettori potranno, dunque, operare senza tenere minimamente conto dell’esistenza di provvedimenti certificati da tali “pseudo” Enti.

TORNA SU