X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 23 settembre 2018

Fisco

Dalla Fondazione nazionale commercialisti uno studio sui PIR

Il documento pubblicato ieri esamina il quadro normativo e gli aspetti operativi, evidenziando vantaggi e costi dello strumento

/ REDAZIONE

Mercoledì, 14 marzo 2018

L’obiettivo dei piani di risparmio a lungo termine (PIR), introdotti dalla L. 232/2016, risiede nella volontà di immettere flussi finanziari nell’economia reale e nel tessuto produttivo italiano, destinando maggiori risorse al sostegno delle PMI.
Questo strumento di investimento dovrebbe quindi costituire un’utile alternativa per garantire provviste finanziarie alle PMI, le cui criticità connesse a una scarsa capitalizzazione si sono acuite negli anni della crisi e del credit crunch.
A sostenerlo è la Fondazione nazionale commercialisti, che ieri ha pubblicato un documento di ricerca (“I piani individuali di risparmio: quadro normativo e aspetti operativi”) che approfondisce la disciplina.

Come ricorda anche la FNC, i PIR, qui quali il MEF ha pubblicato apposite Linee ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU