X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 20 agosto 2018 - Aggiornato alle 6.00

Il Caso del Giorno

L’invio di beni «in conto proprio» in un altro Stato membro è una cessione intraUe

/ Francesco D'ALFONSO

Venerdì, 18 maggio 2018

L’art. 138 della direttiva 2006/112/CE dispone che, oltre le classiche cessioni intracomunitarie/acquisti intracomunitari di beni, attraverso cui si trasferisce a titolo oneroso il diritto di disporre come proprietario della merce inviata da un Paese Ue all’altro, gli Stati membri sono tenuti a esentare dall’IVA le cessioni di beni consistenti in trasferimenti a destinazione di un altro Stato membro, senza passaggio della proprietà, che beneficerebbero delle esenzioni previste proprio per tali cessioni intracomunitarie se fossero effettuate nei confronti di un altro soggetto passivo (c.d. “trasferimenti a se stessi”).

Tale disposizione, in particolare, è volta a evitare che gli acquisti vengano localizzati in relazione ai diversi regimi di detrazione d’imposta ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi