X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 20 agosto 2018 - Aggiornato alle 6.00

Impresa

Si riciclano anche i beni già riciclati

Sono condotte che allontanano sempre più i beni dalla loro origine delittuosa

/ Maurizio MEOLI

Venerdì, 18 maggio 2018

La Cassazione, nella sentenza n. 21925, depositata ieri, prende in esame differenti profili attinenti alla fattispecie di riciclaggio (art. 648-bis c.p.) in relazione all’ipotesi in cui una pluralità di soggetti, senza concorrere nel reato presupposto di bancarotta fraudolenta patrimoniale, ex artt. 216 comma 1 n. 1 e 223 comma 1 del RD 267/1942, operano in modo da ostacolare l’identificazione della provenienza delittuosa di somme di denaro sottratte alla procedura concorsuale e a loro pervenute a seguito di operazioni di trasferimento effettuate non solo direttamente dai falliti, ma anche da soggetti che, a loro volta, le avevano ricevute da questi ultimi.

Al riguardo la Suprema Corte ricorda, innanzitutto, come sia stato più volte affermato che integra, di per sé, un autonomo atto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU

Scopri di piu' Chiudi