X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 21 ottobre 2018

Fisco

Perdite estere deducibili se la branch chiude

Se le perdite non possono essere compensate nel Paese di residenza, la Corte Ue consente l’utilizzo da parte della società estera capogruppo

/ Gianluca ODETTO e Salvatore SANNA

Mercoledì, 13 giugno 2018

Nella sentenza di ieri, 12 giugno 2018, relativa alla causa C-650/16, la Corte di Giustizia dell’Unione europea è intervenuta sulla compatibilità tra il principio di libertà di stabilimento e le normative dei Paesi membri che impediscono di includere nel consolidato fiscale le perdite delle controllate e delle branch estere.

In primo luogo, si afferma che in linea generale tale restrizione alla libertà di stabilimento risulta legittima, in quanto preordinata a un’equa ripartizione del potere impositivo tra due Stati, ma alla sola condizione che non si arrivi a situazioni per cui la perdita non può essere dedotta né nello Stato membro dove è localizzata la controllata (o la stabile organizzazione), né nello Stato membro della casa madre.

Il tema è quello che attiene i regimi fiscali ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU