X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 24 settembre 2018 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Con la Lista Falciani non serve la presunzione d’imponibilità dei capitali esteri

Per la Cassazione, chi detiene soldi in Svizzera senza indicazione nel modulo RW è ipso iure evasore

/ Alfio CISSELLO e Salvatore SANNA

Sabato, 14 luglio 2018

Per effetto dell’art. 12 del DL 78/2009, gli investimenti e le attività detenuti in paradisi fiscali senza indicazione nel quadro RW si presumono, salvo prova contraria, costituiti mediante redditi sottratti a tassazione.
Tale norma, secondo un recente orientamento della Cassazione, introducendo una vera e propria presunzione legale, non ha effetto retroattivo, quindi non può essere applicata alle annualità antecedenti all’entrata in vigore del DL 78/2009 (Cass. 2 febbraio 2018 n. 2662).

Premesso ciò, se un contribuente, ad esempio nell’anno 2007, non ha indicato nel quadro RW investimenti siti in un paradiso fiscale, l’importo totale dell’investimento stesso non si può automaticamente presumere frutto di evasione.
La Corte di Cassazione, con una recente sentenza, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU