X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 novembre 2018 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Ricorso problematico contro il diniego di definizione delle liti

A volte c’è l’impugnazione congiunta con la sentenza, quindi può succedere che i termini ad esempio per l’appello siano compressi

/ Alfio CISSELLO

Lunedì, 13 agosto 2018

In base all’art. 11 del DL 50/2017, entro lo scorso 31 luglio 2018 avrebbe dovuto essere notificato il diniego di definizione delle liti pendenti.
Anche per il ricorso contro tale diniego opera la sospensione feriale, dunque se, ad esempio, il diniego fosse stato notificato l’ultimo giorno utile, quindi il 31 luglio 2018, il termine per il ricorso scadrebbe il 30 ottobre 2018.
Il termine, secondo un orientamento della Cassazione (cfr. Cass. 10 ottobre 2008 n. 24910), è ordinatorio, quindi non si può escludere la validità del diniego notificato dopo la data indicata.

Si tratta di ricorso contro un atto di valore indeterminabile, e ciò ha due riflessi.
In primo luogo, come, a suo tempo, confermato dalle Entrate in relazione alla definizione ex DL 98/2011, la lite non è mai soggetta alla ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU