X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 novembre 2018 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Vacilla l’irretroattività dell’illegittimità della Robin tax

Accolto il ricorso del contribuente contro l’avviso di accertamento che richiedeva il pagamento dell’addizionale per il 2014

/ Grazia CARBONE

Lunedì, 13 agosto 2018

L’addizionale IRES applicabile alle imprese operanti nel settore petrolifero e dell’energia elettrica di cui all’art. 81 comma 16 del DL 112/2008 (c.d. Robin Hood tax) non è dovuta nemmeno nell’ipotesi in cui il relativo presupposto si sia perfezionato in anni di vigenza del tributo. È questo il principio che pare desumibile dalla sentenza della Commissione tributaria provinciale di Messina n. 2324/2018. L’interpretazione dei giudici di merito offre, per gli operatori del settore energetico e petrolifero che si sono visti recapitare avvisi di accertamento in materia di addizionale dopo il 12 febbraio 2015 (data di decorrenza degli effetti della sentenza di incostituzionalità del tributo), nuove speranze di ottenere l’annullamento della pretesa erariale.

Analizzando ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU