X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 novembre 2018 - Aggiornato alle 6.00

Lavoro & Previdenza

Orario flessibile per i lavoratori dell’industria del legno e arredamento

La «definizione congiunta», requisito fondamentale per l’applicazione della flessibilità, deve tradursi in un apposito verbale di accordo

/ Alessandro MORI

Venerdì, 10 agosto 2018

Lo scorso 24 luglio FederlegnoArredo, in rappresentanza imprenditoriale, e FILLEA-CGIL, FILEA-CISL e FENEAL-UIL, in rappresentanza dei lavoratori, si sono incontrate e hanno siglato un verbale di interpretazione autentica in relazione alla portata dell’art. 19 del CCNL 13 dicembre 2016, recante la disciplina in tema di flessibilità dell’orario di lavoro applicabile ai dipendenti delle aziende industriali operanti nei settori legno, sughero, mobile e arredamento e boschivi e forestali.

Tale verbale, definito in esito alla procedura di intervento prevista nella nota posta a chiusura dell’art. 19 stesso, in primo luogo conferma l’estrema importanza riconosciuta già dal CCNL del dicembre 2016 all’istituto della flessibilità dell’orario di lavoro.

Il contesto di ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU