X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 25 settembre 2018 - Aggiornato alle 6.00

Il Caso del Giorno

Giudizio di rinvio restitutorio senza preclusioni processuali

/ Alfio CISSELLO

Sabato, 15 settembre 2018

Spesso, quando si pensa al giudizio di rinvio, si ha in mente un processo rigorosamente circoscritto al principio di diritto enunciato dalla Corte di Cassazione, nella sentenza di cassazione con rinvio.
Quanto esposto, in diversi casi, è senz’altro corretto, ma così non è nel rinvio c.d. restitutorio oppure improprio, ove la cassazione con rinvio, in Provinciale, o, in ipotesi più rare, in Regionale, è dovuta a gravi violazioni della legge processuale.
Il processo deve, a causa di detta violazione, ricominciare da capo.

L’ipotesi classica è la violazione del litisconsorzio necessario sostanziale, che causa, ex art. 59 comma 1 lett. c) del DLgs. 546/92, la rimessione del processo in primo grado, ma si può trattare anche di violazione del litisconsorzio processuale in appello (ove la ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU