X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 25 settembre 2018 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Per transitare al forfetario, opzione triennale per l’ordinario non vincolante

Resta comunque sanzionabile l’omessa comunicazione dell’opzione nel quadro VO della dichiarazione IVA

/ Paola RIVETTI

Sabato, 15 settembre 2018

È possibile transitare dal 2018 al regime forfetario (L. 190/2014) per i soggetti che, nei periodi precedenti, avevano applicato il regime di contabilità semplificata, pur avendo i requisiti per utilizzare il forfetario.
Il chiarimento è reso dalla risoluzione Agenzia delle Entrate n. 64 di ieri che, di fatto, supera il vincolo triennale di permanenza nel regime ordinario opzionale fissato dall’art. 1 comma 70 della L. 190/2014.

La fattispecie oggetto di esame riguarda un contribuente che, nonostante possedesse i requisiti per il regime forfetario, ha adottato dal 2015 il regime contabile semplificato mediante comportamento concludente, senza aver mai comunicato l’opzione nel quadro VO della dichiarazione IVA. Nel 2017 ha optato per il regime semplificato di cui al comma 5 dell’art. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU