X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 22 ottobre 2018 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Fino al 2007 sponsorizzazioni tra le spese di rappresentanza

In base alla vigente normativa, dovrebbero in ogni caso considerarsi di pubblicità

/ Luca FORNERO

Giovedì, 11 ottobre 2018

L’ordinanza della Cassazione n. 25021, depositata ieri, ritorna sulla questione della classificazione delle spese di sponsorizzazione tra quelle di pubblicità ovvero di rappresentanza. Il tema si presenta di peculiare attualità anche alla luce dei controlli che, al riguardo, sono svolti dall’Amministrazione finanziaria.

L’assunto che pare maggiormente significativo è quello secondo cui, in base alla normativa vigente fino al 2007, le spese in esame devono essere ricondotte tra quelle di rappresentanza, in quanto idonee, al più, “ad accrescere il prestigio dell’impresa”.
Letta a contrario, tale affermazione sembra costituire l’implicita conferma che, nell’attuale contesto legislativo, le spese di sponsorizzazione devono essere considerate di pubblicità

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU