X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 20 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Prosegue la fase positiva per la carta italiana

Buona performance dovuta all’ottimo esito dell’asta di titoli a 15 anni, alla conferma del rating e in generale al momento favorevole dell’azionario

/ Stefano PIGNATELLI

Sabato, 19 gennaio 2019

Settimana all’insegna della stabilità per i tassicore” fino a giovedì, quando è cresciuto l’ottimismo relativo ai negoziati Cina-Usa sul commercio supportando così l’appetito per il rischio. Il bilancio rispetto a venerdì scorso vede un rialzo di oltre 5 centesimi per il Bond Usa (10 anni al 2,77%), un’increspatura sui Bund (10 anni 0,27%) e Irs (0,82%) a medio lungo con quelli brevi fermi. Si sono mossi in controtendenza i Btp (10 anni dal 2,84% al 2,72%; segui tassi e costo del funding su www.ildirettorefinanziario.it).

Nonostante un clima positivo sui mercati azionari alimentato anche da alcune trimestrali migliori delle attese a Wall Street e da un allontanarsi del pericolo di nuovi rialzi dei Fed Funds nel corso del 2019, i tassi “core” ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU