X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 18 novembre 2018

Economia & Società

Per la Commissione europea frena l’economia

I mercati hanno reagito con i rendimenti Btp che sono saliti di oltre 10 centesimi e lo spread che si è allargato a 296 bps da 286 pre Commissione

/ Stefano PIGNATELLI

Venerdì, 9 novembre 2018

La Commissione europea ritiene che la crescita del Pil della zona euro rallenterà nei prossimi anni, complici i rischi provenienti dalle politiche commerciali degli Stati Uniti, l’incertezza dei termini della Brexit e l’aumento della spesa dei Paesi ad alto debito, come l’Italia.

Nel dettaglio, la Commissione Ue prevede che quest’anno la crescita rallenterà a 2,1% da 2,4% nel 2017. La frenata proseguirà l’anno prossimo quando, secondo l’esecutivo Ue, l’espansione si attesterà a 1,9% (contro 2% della stima di maggio) e ulteriormente nel 2020, a 1,7%.
I dubbi sulla qualità e la sostenibilità dei conti pubblici nei Paesi membri altamente indebitati potrebbero contagiare i settori bancari nazionali, sollevando timori sulla stabilità finanziaria e pesando

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU