X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 16 dicembre 2018

Lavoro & Previdenza

Per il datore di lavoro monitoraggio continuo del massimale contributivo

In caso di superamento, va richiesta al lavoratore l’eventuale esistenza di periodi ante 1996 utili ai fini dell’anzianità contributiva

/ Luca BIANCHIN

Mercoledì, 14 novembre 2018

Come di consueto, verso fine anno occorre verificare gli imponibili previdenziali individuali dei lavoratori dipendenti al fine di identificare coloro che supereranno il massimale contributivo INPS.

L’art. 2, comma 18 della L 335/95, ha infatti stabilito un massimale annuo per la base contributiva e pensionabile degli iscritti a forme pensionistiche obbligatorie, privi di anzianità contributiva, successivamente al 31 dicembre 1995 (c.d. “nuovi iscritti”) ovvero per coloro che optano per il calcolo della pensione con il sistema contributivo, ai sensi dell’art. 1, comma 23 della L. 335/95.

Per quest’anno tale soglia è fissata in 101.427 euro (cfr. circ. INPS n. 13/2018) e trova applicazione per la sola aliquota di contribuzione ai fini pensionistici (IVS), ivi compresa ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU