X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 16 dicembre 2018

Lavoro & Previdenza

Congedi per le vittime di violenza di genere con percorsi di protezione

Per la fruizione è necessario l’inserimento in un percorso certificato dai servizi sociali del proprio Comune o da centri antiviolenza o case-rifugio

/ Silvano IMBRIACI

Mercoledì, 14 novembre 2018

L’art. 1 della L. n. 183/2014, nel delegare il Governo all’adozione di decreti legislativi contenenti misure a tutela della maternità e della conciliazione dei tempi di vita e di lavoro (comma 8), al comma 9 lett. h), indica quale principio direttivo quello dell’introduzione di congedi dedicati alle donne inserite nei percorsi di protezione relativi alla violenza di genere debitamente certificati dai servizi sociali del Comune di residenza.

In attuazione di queste indicazioni, l’art. 24 del DLgs. n. 80/2015 prevede al comma 1 il diritto della dipendente di datore pubblico o privato, che si trovi in tale situazione, di astenersi dal lavoro per motivi connessi al percorso di protezione intrapreso. Stessa possibilità è prevista per le lavoratrici titolari di rapporti di

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU