X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 16 dicembre 2018

Notizie in breve

Nei primi 10 mesi del 2018 calano del 10,2% le entrate tributarie da accertamento e controllo

/ REDAZIONE

Giovedì, 6 dicembre 2018

Nel periodo gennaio-ottobre 2018 le entrate tributarie erariali accertate in base al criterio della competenza giuridica ammontano a 354.453 milioni di euro, segnando un incremento di 5.523 milioni di euro rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+ 1,6%).

Al netto degli effetti dello spostamento spostamento, da maggio a novembre, del pagamento dell’acconto dell’imposta sulle assicurazioni, le entrate tributarie erariali del periodo gennaio-ottobre 2018 registrano un incremento del 2,0%. Crescono sia le imposte dirette (+1,3%) che quelle indirette (+1,9%), mentre le entrate tributarie da accertamento e controllo calano del 10,2%.

Tra le imposte dirette si segnala l’aumento delle ritenute IRPEF sui lavoratori dipendenti e sui pensionati (+ 4.691 milioni di euro, +3,8%).
Il risultato delle imposte indirette è invece legato all’andamento del gettito dell’IVA (+3.378 milioni di euro, + 3,5%). Crescono anche le entrate da imposta di registro (+104 milioni di euro, +2,6%), dei canoni di abbonamento radio e TV (+30 milioni di euro, +2,0%) e dell’imposta di bollo (+ 375 milioni di euro, +7,0%).

Il risultato delle entrate da accertamento e controllo del periodo gennaio-ottobre è stato condizionato dall’andamento negativo del mese di agosto 2018 rispetto allo stesso mese del 2017 (- 891 milioni di euro, pari a - 45,3%) nel quale il gettito era stato sostenuto dalle consistenti entrate derivanti dalla definizione agevolata delle controversie tributarie, introdotta dal DL 193/2016.

TORNA SU