X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 17 gennaio 2019 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Riporto delle perdite fiscali nelle fusioni più agevole

Secondo l’Agenzia delle Entrate, è possibile disapplicare i limiti dell’art. 172 del TUIR se i patrimoni «reali» delle società eccedono le perdite da trasferire

/ Gianluca ODETTO

Giovedì, 6 dicembre 2018

Le risposte a interpello n. 93 e 94 di ieri, 5 dicembre 2018, evidenziano un cambio di rotta significativo dell’Agenzia delle Entrate in merito alla disciplina del riporto delle perdite fiscali nelle fusioni: l’Agenzia chiarisce, in particolare, che le perdite possono essere trasferite all’incorporante anche se non sono rispettati i requisiti dell’art. 172 comma 7 del TUIR (legati alla “vitalità” della società che le ha prodotte e al suo patrimonio netto contabile), purché venga in altro modo dimostrata l’operatività e la capacità produttiva della società e il valore reale degli asset trasferiti con la fusione sia superiore alle perdite stesse.
Le due risposte a interpello hanno ad oggetto, rispettivamente, il riporto delle perdite fiscali e delle eccedenze

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU