X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 26 giugno 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Riciclaggio punito anche se il delitto presupposto è prescritto

Irrilevante anche l’eventuale non punibilità del delitto presupposto correlata all’adesione a condoni tributari

/ Maurizio MEOLI

Sabato, 15 dicembre 2018

La Cassazione, nella sentenza n. 56378, depositata ieri, si sofferma su importanti caratteristiche del reato di riciclaggio, di cui all’art. 648-bis c.p., confermando l’estremo rigore che, in genere, permea la ricostruzione che i giudici di legittimità operano di tale fattispecie.

Ai sensi dell’art. 648-bis c.p., fuori dei casi di concorso nel reato, chiunque sostituisca o trasferisca denaro, beni o altre utilità provenienti da delitto non colposo, ovvero compia in relazione ad essi altre operazioni, in modo da ostacolare l’identificazione della loro provenienza delittuosa, è punito con la reclusione da quattro a dodici anni e con la multa da 5.000 a 25.000 euro.

La pena è aumentata quando il fatto è commesso nell’esercizio di un’attività professionale. La ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU