X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 23 marzo 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

È infedeltà patrimoniale se l’azienda è ceduta a prezzo incongruo

Per la Cassazione rileva il conflitto di interessi dell’amministratore, non essendo sufficiente il danno patrimoniale

/ Maria Francesca ARTUSI

Mercoledì, 19 dicembre 2018

Risponde del reato di infedeltà patrimoniale l’amministratore che cede l’azienda a un prezzo incongruo, cagionando un danno alla società amministrata e un contestuale vantaggio alla società acquirente di cui è socio.
Tale delitto è previsto dall’art. 2634 c.c. nell’ambito dei c.d. reati societari e punisce con la reclusione da sei mesi a tre anni gli amministratori, i direttori generali e i liquidatori, che, avendo un interesse in conflitto con quello della società, al fine di procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto o altro vantaggio, compiono o concorrono a deliberare atti di disposizione dei beni sociali, cagionando intenzionalmente alla società un danno patrimoniale. La stessa pena si applica se il fatto è commesso in relazione a beni posseduti o amministrati

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU