X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 20 aprile 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Ancora divieti di cumulo parziali o totali per alcune pensioni

Lo stop al divieto di sommatoria non ha effetto per tutte le tipologie di trattamenti

/ Noemi SECCI

Lunedì, 21 gennaio 2019

Sino a 10 anni fa, cumulare in modo pieno il reddito di pensione col reddito derivante dall’attività lavorativa non era possibile: la pensione percepita, difatti, doveva essere decurtata in base ai redditi di lavoro prodotti nell’anno, in modo differente a seconda della tipologia di trattamento erogato.
L’art. 19 del DL 112/2008 (conv. L. 133/2008) ha abolito il divieto di cumulo tra reddito di lavoro e pensione, rendendo così possibile sommare le due tipologie di reddito in modo pieno.

Lo stop al divieto di sommatoria non ha effetto, tuttavia, per la totalità dei trattamenti: per diverse pensioni, come le prestazioni per invalidità e indirette, continuano ancora ad applicarsi delle limitazioni nel cumulo con i redditi derivanti dall’attività lavorativa. Nuovi limiti sono ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU