X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 18 febbraio 2019 - Aggiornato alle 6.00

Lettere

Restano da comunicare le prestazioni sanitarie erogate a non residenti

Giovedì, 14 febbraio 2019

Spettabile Redazione,
nel marasma della fattura elettronica e della questione privacy, ci si è dimenticati di esonerare dalla comunicazione i soggetti che erogano prestazioni sanitarie nei confronti di pazienti non residenti in Italia, oppure di vietarla.

A tutt’oggi, nulla essendo stato detto, tale comunicazione è dovuta.
Però così l’Agenzia delle Entrate avrebbe a disposizione solo dati parziali, cioè solo i dati che confluirebbero nello spesometro estero, data la possibilità di opposizione al trattamento dei dati ai fini della comunicazione a Sistema tessera sanitaria e dato che dal 2019 non esiste più lo spesometro “interno”.

Questo è un altro esempio di ciò che accade quando la fiscalità viene lasciata nelle mani di chi vede solo strumenti tecnologici e non è in grado di valutarne i problemi derivanti.


Luca Facchin
Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Padova

TORNA SU