X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 22 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

L’oggetto della verifica ben definito incide sulle preclusioni ispettive

Le preclusioni ex art. 3 comma 20 della L. n. 335/95 non operano per precedenti verifiche prive di effetti sul piano previdenziale e assicurativo

/ Mario PAGANO

Giovedì, 14 febbraio 2019

Regime delle preclusioni previdenziali e assicurative e oggetto dell’accertamento ispettivo sono i due delicati temi, sviluppati nell’articolata circolare n. 4/2019 con la quale l’INL, nell’ambito del suo generale ruolo di coordinamento dell’attività di vigilanza di tutto il personale ispettivo, sia proprio che in forza agli Istituti, ha fornito dettagliate indicazioni operative.
Il primo aspetto concerne il regime delle preclusioni ex art. 3 comma 20 L. n. 335/1995, in ragione del quale è preclusa al personale ispettivo la possibilità di riproporre nuove verifiche ispettive rispetto a periodi pregressi, già oggetto di precedenti controlli.

Sul punto la circolare n. 4 chiarisce, innanzitutto, che detto regime normativo opera esclusivamente nell’ambito di accertamenti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU