X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 18 aprile 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Trasformazione del contratto a termine se supera i 24 mesi

Il decreto «dignità» ha previsto una serie di ipotesi di trasformazione a tutela dei lavoratori

/ Mario PAGANO

Martedì, 26 marzo 2019

Il decreto “dignità” (DL 87/2018, conv. L. 96/2018), con le modifiche apportate al contratto a tempo determinato, ha riportato al centro dell’attenzione una figura contrattuale della quale si è spesso occupato il legislatore in ottica di rilancio dell’occupazione, ma anche sotto il profilo delle tutele per gli stessi lavoratori.
Non va dimenticato, infatti, che la disciplina normativa del contratto a tempo determinato, oggi interamente contenuta negli artt. da 19 a 29 del DLgs. 81/2015, oltre a norme di carattere regolatorio, prevede una serie di ipotesi di natura, per così dire, sanzionatoria, che non operano su un piano amministrativo, ma sotto il profilo civilistico, accordando alla parte ritenuta più debole, ossia il lavoratore, una particolare tutela in ragione di

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU