X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 20 maggio 2019 - Aggiornato alle 6.00

INIZIATIVE DI CATEGORIA

Gli Ordini di Napoli e Brescia danno vita all’Osservatorio Nord-Sud

/ REDAZIONE

Sabato, 18 maggio 2019

Nella giornata di ieri, gli Ordini dei dottori commercialisti ed esperti contabili di Napoli e Brescia hanno siglato un gemellaggio e dato vita all’Osservatorio Nord-Sud. Il nuovo istituto è stato presentato nel corso della XVII edizione di “Spring in Naples”, convegno di fiscalità comunitaria e internazionale quest’anno incentrato su digital economy e prospettive di sviluppo dell’economia mondiale.

Obiettivi dell’Osservatorio saranno quelli di creare sinergie territoriali con una cooperazione aperta a istituzioni, Agenzia delle Entrate, imprese e associazioni, coinvolgendo Università e altri Ordini professionali su tematiche come economia, diritto internazionale e innovazione.

“Con questo accordo – ha commentato Vincenzo Moretta, Presidente dell’Ordine campano – ci proiettiamo direttamente nel futuro, mettendo a disposizione dei nostri iscritti un patrimonio cognitivo e delle migliori esperienze italiane ed estere in settori innovativi. Avremo maggiore specializzazione, condivisione delle esperienze e collaborazione tra professioni e Università”.

Michele de Tavonatti, Presidente dei commercialisti bresciani, sottolinea invece la capacità dei due Ordini di “trovare un accordo che permetterà ai professionisti di avere nuove opportunità”, nonostante le due realtà siano “distanti sotto molti punti di vista”.

Concetto ribadito anche dal Presidente del CNDCEC, Massimo Miani, secondo cui “anche due strutture professionali di territori molto diversi possono fare sinergia e portare avanti temi importanti. Quello proposto dagli Ordini di Napoli e Brescia è un valido modello per lo sviluppo della professione del futuro, perché punta su aspetti di grande innovazione”.

TORNA SU