X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 26 giugno 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Deroga ai vincoli sui contratti a termine con la contrattazione di prossimità

In crescita l’uso di tale strumento contrattuale per smussare le «rigidità» introdotte dal DL n. 87/2018 e ridurne l’impatto negativo sull’occupazione

/ Viviana CHERCHI

Lunedì, 27 maggio 2019

Le recenti modifiche alla normativa sul contratto a tempo determinato – DL n. 87/2018 (c.d. decreto dignità) conv. L. n. 96/2018 – hanno apportato numerosi vincoli all’utilizzo di questo istituto, segnando un’inversione di tendenza rispetto al precedente intervento legislativo (DLgs. n. 81/2015).

Si ricorda, in estrema sintesi, come la durata massima del contratto sia stata ridotta da 36 a 24 mesi, il numero di rinnovi consentiti sia passato da 5 a 4 e sia stato ripristinato l’obbligo di indicare la causale in caso di rinnovo e per contratti che superino i 12 mesi di durata.
Questa modifica legislativa ha alimentato un ampio dibattito volto a stabilire il ruolo della contrattazione collettiva nella disciplina di tale contratto, non essendo prevista la facoltà di intervento delle ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU