X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 26 giugno 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

La durata esatta dell’orario di lavoro deve essere misurata

Per la Corte di Giustizia Ue occorre garantire il rispetto della durata massima settimanale e dei periodi minimi di riposo

/ Mario PAGANO

Lunedì, 27 maggio 2019

I datori di lavoro sono tenuti ad istituire un sistema che consenta la misurazione della durata dell’orario di lavoro giornaliero svolto da ciascun lavoratore. Questo quanto emerge dalla sentenza della Corte di Giustizia europea del 14 maggio scorso, relativa alla causa C-55/18.

Sebbene la pronuncia, partendo dalla corretta interpretazione della direttiva 2003/88/Ce, si sia occupata della normativa spagnola in materia di orario di lavoro, potrà avere immediate ricadute anche sulla disciplina italiana, più precisamente, sul DLgs. 66/2003 attuativo delle direttive 93/104/Ce e 2000/34/Ce, confluite proprio nella direttiva 2003/88/Ce.
La vicenda, sottoposta all’attenzione della Corte di Giustizia Ue dalla Corte centrale spagnola, riguardava la corretta interpretazione degli art. 3, 5 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU