X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 16 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Società esterovestite con possibile «neutralità» IVA

Nel caso di prestazioni generiche verso soggetti passivi italiani l’imposta è applicata con il reverse charge

/ Emanuele GRECO

Mercoledì, 12 giugno 2019

Le contestazioni in merito all’esterovestizione di società formalmente residenti all’estero frequentemente includono anche rilievi rispetto all’IVA che non sarebbe stata assolta dal soggetto passivo al quale viene accertata la residenza in Italia.
Gli Uffici sostengono che, in conseguenza della presunzione di residenza ex art. 73 commi 3 e seguenti del TUIR, sorga una pretesa anche con riferimento all’IVA che avrebbe dovuto essere applicata sulle prestazioni di servizi effettuate nei confronti di soggetti passivi italiani.

Tale assunto, tuttavia, trova alcuni limiti nelle regole impositive IVA e, in specie, nell’avvenuta applicazione del reverse charge da parte della società non residente.
Deve essere ricordato, infatti, che a decorrere dal 2010, l’Italia si ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU