X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 22 settembre 2019

NOTIZIE IN BREVE

Decreto di attuazione della direttiva sull’impegno a lungo termine degli azionisti in Gazzetta

/ REDAZIONE

Martedì, 11 giugno 2019

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di ieri il DLgs. 10 maggio 2019 n. 49 di attuazione della direttiva 2017/828/Ue per quanto riguarda l’incoraggiamento dell’impegno a lungo termine degli azionisti.

Si ricorda che il testo contiene un intervento sulla disciplina relativa alle operazioni con parti correlate ex art. 2391-bis c.c. (si veda “Parti correlate solo per le quotate” dell’11 gennaio 2019).

Tra le altre modifiche si segnala che il DLgs. 49/2019 completa l’art. 2391-bis c.c. prevedendo che la Consob, nel definire i principi indicati nel primo comma, individui almeno:
- le soglie di rilevanza delle operazioni con parti correlate tenendo conto di indici quantitativi legati al controvalore dell’operazione o al suo impatto su uno o più parametri dimensionali della società. La Consob può individuare anche criteri di rilevanza che tengano conto della natura dell’operazione e della tipologia di parte correlata;
- le regole procedurali e di trasparenza proporzionate rispetto alla rilevanza e alle caratteristiche delle operazioni, alle dimensioni della società ovvero alla tipologia di società che fa ricorso al mercato del capitale di rischio, nonché i casi di esenzione dall’applicazione, in tutto o in parte, delle predette regole;
- i casi in cui gli amministratori, fermo restando quanto previsto dall’art. 2391, e gli azionisti coinvolti nell’operazione sono tenuti ad astenersi dalla votazione sulla stessa ovvero misure di salvaguardia a tutela dell’interesse della società che consentono ai predetti azionisti di prendere parte alla votazione sull’operazione.

Inoltre, l’art. 4 comma 3 del DLgs. 49/2019 inserisce nel DLgs. 58/1998 l’art. 192-quinquies che dispone che si applichi, nei confronti delle società quotate nei mercati regolamentati che  violano  l’articolo 2391-bis c.c. e le relative disposizioni di attuazione adottate dalla Consob, una sanzione amministrativa pecuniaria da 10.000 euro a 150.000 euro. Salvo che il fatto costituisca reato, per le stesse violazioni, nei confronti dei soggetti che svolgono funzioni di amministrazione e di direzione si applica, nei casi previsti dall’art. 190-bis, comma 1, lettera a), una sanzione amministrativa pecuniaria da 5.000 euro a 150.000 euro.


TORNA SU