X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 16 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Ritirato l’emendamento sugli affitti d’azienda ai commercialisti

Decisivo il parere contrario fornito dalla Direzione nazionale antimafia. L’attività continuerà a essere prerogativa dei soli notai

/ Savino GALLO

Mercoledì, 12 giugno 2019

Per commercialisti e avvocati non ci sarà la possibilità di autenticare e depositare le scritture private di affitto d’azienda. L’emendamento al decreto crescita che prevedeva l’allargamento alle due categorie professionali di questo tipo di attività, oggi esclusiva dei notai, è stato infatti ritirato ieri nel corso dell’esame del provvedimento nelle Commissioni Bilancio e Finanze della Camera.

Un esito previsto, dopo il nuovo parere contrario fornito dalla Direzione nazionale antimafia, in cui si sosteneva che fosse preferibile lasciare l’attività nelle sole mani dei notai, gli unici che possono essere considerati pubblici ufficiali e garanti del controllo degli atti, a differenza di avvocati e commercialisti che, invece, sono “strutturalmente di parte e

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU