X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 17 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Rivendita di opere d’arte senza regime del margine se l’acquisto è anteriore all’introduzione dell’IVA

/ REDAZIONE

Mercoledì, 19 giugno 2019

Il regime del margine può trovare applicazione soltanto a condizione che il soggetto passivo IVA rivenditore dei beni abbia originariamente acquisito gli stessi pagando un prezzo già inclusivo dell’imposta, senza aver avuto la possibilità di operare la detrazione. Il motivo per il quale l’imposta non è stata detratta deve dipendere da cause ordinariamente inerenti l’applicazione del tributo e, dunque, non può dipendere dalla circostanza che l’acquisto è stato effettuato prima dell’introduzione dell’IVA.
È quanto chiarito dall’Agenzia delle Entrate con il principio di diritto n. 19, pubblicato ieri, e formulato con specifico riferimento alle operazioni di rivendita di opere d’arte.

Il regime del margine è disciplinato dagli artt. 36 e ss. del DL 41/95 e, allo scopo di evitare fenomeni di doppia imposizione, consente, in relazione alla rivendita di alcune tipologie di beni (beni usati, oggetti d’arte, ecc.) di applicare l’IVA non sull’intero prezzo di vendita, bensì sulla differenza tra il prezzo di vendita e quello di acquisto dei beni, purché l’acquisto sia stato effettuato presso privati o soggetti ad essi assimilati ai fini del regime speciale in argomento.

Come precisato dal principio di diritto n. 19 pubblicato ieri, tale regime, in quanto regime speciale e derogatorio, richiede la dimostrazione, ricavabile dal riscontro di precisi requisiti soggettivi e oggettivi, della “circostanza essenziale” che il rivenditore abbia originariamente acquisito i beni pagando un prezzo già comprensivo dell’IVA, senza aver avuto la possibilità di esercitare la detrazione.
Pertanto, la rivendita di opere d’arte non può essere assoggettata al regime del margine se il motivo per il quale il rivenditore non ha detratto l’IVA sull’acquisto dipende dal fatto che quest’ultimo è stato effettuato anteriormente all’introduzione del tributo.

TORNA SU