X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 16 luglio 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Proposte vincolanti nel concordato con continuità aziendale

A fronte di una percentuale minima garantita, è opportuno che siano previsti meccanismi per destinare ai creditori eventuali surplus

/ Gilberto MONTECCHI

Giovedì, 11 luglio 2019

Nel concordato preventivo con continuità aziendale, attualmente disciplinato dall’art. 186-bis del RD 267/42, sono riscontrabili due tipologie di proposte, la prima delle quali, di legittimità certa, prevede l’impegno a pagare i creditori in una determinata percentuale, o somma, con i flussi finanziari attivi netti che matureranno nella prosecuzione dell’attività di impresa, falcidiando la residua parte. Con l’effetto che, in caso di produzione di entrate insufficienti a soddisfare tali passività, si verificherebbe l’inadempimento del concordato e, quindi, il presupposto della risoluzione dello stesso.
La secondo tipologia di proposta, la cui legittimità è controversa, subordina il pagamento di una determinata percentuale di debiti all’effettivo raggiungimento ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU