X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 17 novembre 2019

LAVORO & PREVIDENZA

Il minimale contributivo vale anche per il lavoro di soci di cooperative

Il principio si applica alle cooperative che corrispondano ai soci retribuzioni inferiori ai minimi contrattuali in esecuzione di un legittimo piano di crisi

/ Sergio PASSERINI

Giovedì, 18 luglio 2019

Il principio del minimale contributivo o del minimo retributivo imponibile comporta che l’importo della retribuzione da assumere come base di calcolo dei contributi previdenziali non possa essere inferiore all’importo di quella che ai lavoratori di un determinato settore sarebbe dovuta in applicazione dei contratti collettivi stipulati dalle associazioni più rappresentative su base nazionale.
Questo principio è stato ormai molte volte ribadito dalla giurisprudenza di legittimità e di merito, soprattutto ma non solo con riferimento al settore dell’edilizia, applicando l’art. 1 del DL 9 ottobre 1989 n. 338 (conv. L. 7 dicembre 1989 n. 389).

La regola del minimale contributivo è costantemente fondata dalla giurisprudenza sul principio di autonomia del rapporto contributivo

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU