X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 14 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Decorrenza degli effetti economici delle dimissioni annullate incerta

In particolare sul piano retributivo nella giurisprudenza di legittimità si sono registrati due diversi orientamenti

/ Giada GIANOLA

Venerdì, 19 luglio 2019

Le dimissioni possono essere oggetto di annullamento solo per determinati motivi, in particolare in presenza di vizi della volontà, come l’errore, la violenza o il dolo (art. 1427 c.c.).
Sono, ad esempio, annullabili le dimissioni del lavoratore rassegnate sotto la minaccia del licenziamento per giusta causa, a condizione che venga accertata l’inesistenza del diritto del datore a recedere ai sensi dell’art. 2119 c.c. (Cass. n. 8298/2012), oppure in presenza di un comportamento intimidatorio e oggettivamente ingiusto posto in essere ai danni del lavoratore, tale da costituire una violenza psicologica (cfr. Cass. n. 15161/2015).

Altra ipotesi di annullamento per vizio della volontà è l’errore, che deve però riguardare una qualità essenziale del contratto: è il caso, ad esempio,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU