X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 26 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Nel primo semestre del 2019 incremento delle SOS alla UIF

/ REDAZIONE

Giovedì, 18 luglio 2019

L’Unione finanziaria per l’Italia (UIF) ha pubblicato il nuovo numero della newsletter dove vengono descritti le principali novità e i risultati conseguiti nel primo semestre 2019.

Nel documento si evidenzia come nel primo semestre del 2019 la UIF abbia ricevuto 51.201 segnalazioni di operazioni sospette (SOS), con un incremento del 3,8% rispetto al periodo corrispondente del 2018. Le operazioni segnalate hanno superato i 47 miliardi di euro, contro i circa 45 miliardi nel primo semestre dello scorso anno.
In particolare, le segnalazioni inoltrate da banche e Poste hanno registrato una riduzione del 13,2%. Il trend riflette in buona misura lo spostamento di attività e di segnalazioni da una società capogruppo a un intermediario finanziario controllato. Agli istituti di moneta elettronica (IMEL) e agli istituti di pagamento IP è riconducibile il 53,4% delle segnalazioni inoltrate da segnalanti diversi da banche e Poste, seguiti dai prestatori di servizi di gioco (16,6%).

Inoltre, fra le maggiori Regioni si rilevano diminuzioni delle SOS ricevute in Piemonte, Lombardia e Toscana, mentre si registrano aumenti in Sicilia, Puglia, Campania ed Emilia-Romagna.

TORNA SU