X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 26 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Distrazione dei beni penalmente rilevante anche prima del fallimento

La sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte può concorrere con la bancarotta

/ Maria Francesca ARTUSI

Venerdì, 19 luglio 2019

La condotta di distrazione rilevante ai fini della bancarotta fraudolenta si perfeziona già nel momento del distacco del bene dal patrimonio della società in decozione, mentre la punibilità del reato e la configurabilità dello stesso sono subordinate alla dichiarazione di fallimento con sentenza del giudice civile. Ciò vale sia per quelle intepretazioni che ritengono il fallimento una condizione obiettiva di punibilità (tra le tante, Cass. n. 2899/2019), sia per quelle che lo ritengano un elemento costitutivo del reato (Cass. n. 40477/2018).
Con la sentenza n. 32018 depositata ieri, la Cassazione richiama il principio espresso anche dalle Sezioni Unite (Cass. SS.UU. n. 22474/2016) secondo cui i fatti di distrazione, una volta intervenuta la dichiarazione di fallimento, assumono rilievo ai sensi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU