X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

CONTABILITÀ

Per gli immobili rurali strumentali rilevano destinazione e presenza di terreni

Dovendo esistere l’azienda agricola, i terreni e le costruzioni devono essere, di fatto, correlati alla produzione agricola

/ Arianna ZENI

Mercoledì, 11 settembre 2019

Ai fini del riconoscimento del carattere di ruralità delle costruzioni strumentali all’esercizio dell’attività agricola devono essere soddisfatte esclusivamente le condizioni richieste dal comma 3-bis dell’art. 9 del DL 30 dicembre 1993 n. 557 e, in generale, è necessaria la presenza di terreni. Questo il chiarimento contenuto nella risposta a interpello dell’Agenzia delle Entrate n. 369 pubblicata ieri, 10 settembre 2019.

In generale, i fabbricati rurali godono di agevolazioni fiscali sia ai fini dell’IRPEF, sia ai fini dell’IMU e della TASI, sia in relazione all’imposta sulle successioni e donazioni; per poter beneficiare di tali agevolazioni, tuttavia, gli immobili devono rispettare alcuni requisiti che sono indicati nell’art. 9 menzionato e

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU