X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 20 ottobre 2019

IMPRESA

Patteggiamento per occultazione di documenti anche senza ravvedimento

L’occultamento o la distruzione delle scritture contabili non è ancorato all’esistenza di un profitto o di un danno erariale quantificabili

/ Stefano COMELLINI

Mercoledì, 9 ottobre 2019

Il patteggiamento per occultamento o distruzione di documenti contabili (art. 10 del DLgs. 74/2000) non richiede che l’imputato abbia, prima della richiesta del rito alternativo, provveduto al ravvedimento operoso o all’estinzione dei debiti tributari. Il principio è espresso dalla sentenza della Cassazione n. 41133, depositata ieri, con la quale viene dichiarato inammissibile il ricorso presentato dal procuratore generale avverso una sentenza di patteggiamento, appunto per il reato ex art. 10 del DLgs. 74/2000, con cui si assumeva l’illegalità della pena così applicata per violazione del successivo art. 13-bis, ove si prevede, quale condizione per accedere al rito, la regolarizzazione tributaria.

Si ricorda che il DLgs. 158/2015 ha riscritto l’art. 13 del DLgs. 74/2000, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU