X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 novembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Prescrizione dell’assegno al nucleo familiare in cinque anni

Gli ANF arretrati vanno corrisposti dal datore di lavoro presso cui il dipendente prestava la propria attività nel periodo richiesto

/ Noemi SECCI

Lunedì, 14 ottobre 2019

L’assegno per il nucleo familiare (ANF) è una prestazione previdenziale a carico dell’INPS, generalmente anticipata dal datore di lavoro, finalizzata a integrare il reddito della famiglia del lavoratore.
In base a recenti innovazioni della disciplina degli assegni per il nucleo familiare (circ n. 45/2019 e messaggio n. 1777/2019), il lavoratore o il differente titolare del diritto agli assegni deve presentare la richiesta di ANF direttamente all’INPS, esclusivamente in modalità telematica, nel momento in cui sorge il diritto alla corresponsione. La domanda deve essere poi ripresentata periodicamente con le stesse modalità, entro il 30 giugno di ogni anno: il periodo di validità degli ANF parte difatti dal 1° luglio di ogni anno, per terminare il 30 giugno.

Il diritto agli ANF ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU