X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 7 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il credito per le imposte estere può eccedere l’imposta netta

È ammessa una posizione creditoria verso l’Erario, se il contribuente «recupera» imposte di anni precedenti resesi definitive nel 2018

/ Massimo NEGRO e Gianluca ODETTO

Lunedì, 11 novembre 2019

Il differimento a regime al 30 novembre dei termini di presentazione delle dichiarazioni porta con sé alcune valutazioni nuove per la compilazione del quadro CE sul credito per le imposte pagate all’estero.

In termini generali, infatti, l’art. 165 comma 4 del TUIR stabilisce la regola per cui la detrazione deve essere calcolata nella dichiarazione cui “appartiene” il reddito prodotto all’estero, a condizione che il pagamento a titolo definitivo avvenga prima della sua presentazione; in sostanza, se il reddito estero è stato prodotto nel 2018, l’imposta estera può essere detratta dall’imposta dovuta per il 2018, sempre che il carattere di “definitività” del pagamento sia acquisito prima della presentazione della relativa dichiarazione.
Questo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU