X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 14 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Trust testamentario e successorio compatibili con l’ordinamento interno

/ Cecilia PASQUALE

Giovedì, 5 dicembre 2019

Nella categoria dei trust “liberali” (finalizzati a soddisfare esigenze personali o familiari del disponente) si collocano due tipologie di trust, entrambi inseriti nell’ambito di una vicenda successoria, che tuttavia hanno caratteri e sollevano problematiche diversi: il trust testamentario e il trust successorio.

Il primo è il trust istituito in una disposizione testamentaria, con cui il de cuius nomina un trustee e definisce il programma negoziale in base al quale quest’ultimo dovrà attribuire il patrimonio ereditario (il programma può prevedere, ad esempio, che il trustee trasferisca ai beneficiari utilità periodiche o l’intero patrimonio al momento della cessazione del trust). In questo modo, alla morte del settlor, il trustee acquista la titolarità dell’attivo

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU