X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 13 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Sanzioni per bonus R&S inesistente da non applicare agli aspetti valutativi

Assonime riscontra la pratica degli Uffici di irrogare tout court tale sanzione

/ Pamela ALBERTI

Venerdì, 15 novembre 2019

Assonime, con la circolare n. 23 di ieri, ha analizzato i profili sanzionatori legati agli errori commessi nell’individuazione dell’ambito oggettivo del credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo ex art. 3 del DL 145/2013. In estrema sintesi, viene affermato che la sanzione più appropriata dovrebbe essere quella prevista per il credito non spettante, mentre quella più grave per il credito inesistente dovrebbe trovare applicazione solo nelle più circoscritte ipotesi connotate da fraudolenza.

A quanto consta, gli organi verificatori, qualora ritengano che le attività in relazione alle quali l’impresa ha invocato e fruito del beneficio in esame non rientrino nel novero delle attività agevolate, applicano automaticamente la sanzione prevista in caso di utilizzo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU