X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 24 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per IMU e TASI delle aree fabbricabili conta il valore venale

Nella determinazione del saldo 2019, occorre basarsi su tale valore al 1° gennaio di quest’anno

/ Stefano SPINA

Martedì, 10 dicembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

I contribuenti che possiedono aree fabbricabili devono porre particolare attenzione nella determinazione dell’IMU e della TASI, quest’ultima per i soli Comuni che ne hanno previsto l’applicazione.

Infatti per tali immobili, in base all’art. 13 comma 3 del DL n. 211/2011 che richiama l’art. 5 comma 5 del DLgs. n. 504/92, la base imponibile non è costituita dal dato catastale rivalutato, come avviene per i fabbricati, ma occorre basarsi sul “valore venale in comune commercio” al 1° gennaio dell’anno di imposizione e quindi, per la determinazione del saldo 2019, al 1° gennaio di quest’anno.

La norma si applica, in base all’art. 36 comma 2 del DL n. 223/2006 come espressamente richiamato, ai fini IMU, dal § 2 della circolare del MEF n. 3 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU