X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 14 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Per l’illecita concorrenza non bastano violenze e minacce

/ REDAZIONE

Martedì, 3 dicembre 2019

Le Sezioni Unite della Cassazione, nella sentenza n. 49343/2019, hanno stabilito che, ai fini dell’integrazione della fattispecie di cui all’art. 513-bis c.p., è necessario il compimento di atti di concorrenza che, posti in essere nell’esercizio di un’attività commerciale, industriale o comunque produttiva, siano connotati da violenza o minaccia e siano idonei a contrastare o a ostacolare la libertà di autodeterminazione dell’impresa concorrente.

TORNA SU