X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 11 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Licenziamento per ragioni economiche con effettiva modifica organizzativa

Se il perseguimento del profitto è fine a sé stesso e prescinde da una riorganizzazione, il licenziamento può essere dichiarato illegittimo

/ Rosibetti RUBINO

Giovedì, 5 dicembre 2019

Un datore di lavoro non può licenziare un dipendente per assumerne un altro che usufruisca di sgravi, in quanto lo scopo di risparmiare, sfruttando tali agevolazioni, non integra gli estremi di un licenziamento legittimo.
Tale principio è affermato dall’art. 1 comma 104 della L. 205/2017, secondo cui possono usufruire degli sgravi per le nuove assunzioni solo i datori di lavoro che nei sei mesi precedenti l’assunzione non abbiano proceduto né a licenziamenti individuali per giustificato motivo oggettivo né a licenziamenti collettivi, ai sensi della L. 223/91, nella medesima unità produttiva.

Pur in presenza di tale disposizione, non è tuttavia configurabile nel nostro ordinamento un divieto generale di licenziamento per ragioni economiche volte a incrementare i profitti dell’azienda.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU