X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 11 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Legittimazione al fallimento senza la risoluzione dell’accordo

Il creditore aderente all’accordo inadempiuto può agire direttamente per l’insolvenza del debito

/ Antonio NICOTRA

Giovedì, 5 dicembre 2019

L’accordo di ristrutturazione dei debiti, ex art. 182-bis del RD 267/42, partecipa della natura di procedura “concorsuale” al pari del concordato preventivo, a esso affine, secondo l’approdo della giurisprudenza di legittimità (cfr. Cass. n. 12064/2019).
Escluso il carattere prettamente negoziale, l’accordo, rivestito della natura concorsuale, si annovera nel contesto delle procedure volte alla risoluzione giudiziale della crisi d’impresa, rendendo anche possibile – nei limiti di compatibilità – l’applicazione dei principi maturati per il concordato preventivo (ex multis, Cass. nn. 10106/2019 e 9087/2018).

Tale qualificazione ha spinto la giurisprudenza a indagare i rapporti tra l’accordo di ristrutturazione dei debiti e la dichiarazione di fallimento ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU