X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 11 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

La Cassazione ammette la revocabilità della scissione

Primo intervento in materia dei giudici di legittimità; dottrina e giurisprudenza di merito risultano fortemente divise

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 5 dicembre 2019

È possibile la revocatoria ordinaria, ex art. 2901 c.c., dell’atto di scissione. Ad affermarlo, per la prima volta, è la Cassazione, nell’ordinanza n. 31654, depositata ieri, a fronte di dottrina e giurisprudenza di merito che, ad oggi, risultano fortemente divise sul tema.

A sostegno della tesi dell’inammissibilità si pongono, tendenzialmente, i seguenti argomenti: la natura organizzativa dell’atto di scissione, che non determinerebbe un trasferimento patrimoniale e, quindi, non sarebbe aggredibile con l’azione revocatoria; l’irretrattabilità degli effetti della scissione una volta iscritta nel Registro delle imprese; la previsione, quale strumento di tutela ad hoc per i creditori della società scissa, del potere di opporsi alla scissione; la facoltà per ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU