X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 25 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Esibire fatture differite senza i DDT non fa scattare la preclusione probatoria

La Cassazione ritiene indispensabile una specifica e puntuale richiesta di tutti i documenti

/ Alice BOANO

Mercoledì, 11 dicembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

La sentenza della Corte di Cassazione n. 32207, depositata ieri, si incentra sull’estensione della c.d. sterilizzazione probatoria, con riferimento a un caso di ordine di esibizione di fatture di acquisto “differite”.

Il percorso argomentativo prende le mosse dalla normativa e dalla giurisprudenza di riferimento e giunge a interpretare restrittivamente i requisiti richiesti per l’inutilizzabilità dei documenti non esibiti.
Gli artt. 32 comma 4 del DPR 600/73 e 52 comma 5 del DPR 633/72 fanno, infatti, derivare dal rifiuto di esibizione o dalla sottrazione di atti, documenti, libri, registri o anche dalla mancata ostensione di notizie fiscalmente rilevanti espressamente richiesti dagli uffici l’inutilizzabilità di quanto non esibito/fornito.
Dal rifiuto deriva, inoltre,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU