X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 22 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Ritenuta a titolo d’imposta su compensi maturati in Italia ma percepiti da non residente

Per l’Agenzia i compensi per prestazioni svolte in Italia e percepiti una volta avvenuto il trasferimento all’estero scontano il prelievo definitivo del 30%

/ Luisa CORSO e Gianluca ODETTO

Giovedì, 12 dicembre 2019

Con risposta a interpello n. 512 dell’11 dicembre 2019, l’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti in merito al trattamento fiscale dei compensi per attività di lavoro autonomo svolta in Italia da un soggetto poi trasferitosi in Spagna; i compensi, seppur relativi a un periodo di imposta in cui il professionista era residente in Italia, sono percepiti nel periodo di imposta successivo, in cui il professionista è fiscalmente non residente.

Più nello specifico, il caso esamina i compensi per l’attività di consulenza informatica svolta in Italia negli ultimi mesi del 2018 e incassati nel 2019, periodo in cui il professionista è divenuto fiscalmente residente in Spagna, non svolgendo più alcuna prestazione in Italia (ma mantenendo aperta la partita IVA in Italia).

L’art. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU