X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 28 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Costruzione della struttura per disabili con aliquota IVA del 10%

/ REDAZIONE

Mercoledì, 12 febbraio 2020

x
STAMPA

Con la risposta a interpello n. 49 di ieri, di contenuto identico alla n. 41 del 10 febbraio scorso, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito a quali condizioni si applica l’aliquota IVA del 10% all’appalto per la costruzione di una struttura destinata a ospitare e assistere, sotto il profilo socio-sanitario e socio-assistenziale, persone affette da una particolare disabilità.

Il n. 127-quinquies della Tabella A, Parte III, allegata al DPR 633/72 si riferisce, fra l’altro, agli edifici di cui all’art. 1 della L. 659/61, assimilati ai fabbricati di cui all’art. 13 della L. 408/49 (c.d. fabbricati “Tupini”). Secondo l’Agenzia delle Entrate, il richiamo contenuto nell’art. 1 della L. 659/61 agli edifici individuati dall’abrogato art. 2 comma 2 del RDL 1094/38 è ancora applicabile, poiché il rinvio non deve intendersi riferito alla disposizione di legge abrogata, ma alle tipologie di edifici ivi descritte (es. case di cura e ricoveri).

Di conseguenza, se gli edifici del caso sottoposto fossero qualificabili come “case di cura”, “ricoveri” o strutture similari si applicherebbe l’aliquota IVA del 10% prevista dal n. 127-quinquies della Tabella A, Parte III, allegata al DPR 633/72, fermo restando che “le caratteristiche strutturali e la destinazione/conduzione dell’intero complesso rispecchino effettivamente e in modo univoco (anche catastalmente)” le predette finalità, nel rispetto della normativa di settore.

Se la struttura fosse realizzata sulla base di un unico contratto di appalto con un corrispettivo unico forfetario, tuttavia, l’intera prestazione sarebbe assoggettata ad imposta con l’aliquota più elevata, a fronte del principio generale di inscindibilità del contratto di appalto.

L’Agenzia delle Entrate ha precisato, infine, che l’applicazione dell’IVA con il meccanismo del reverse charge costituisce un profilo distinto da quello della spettanza dell’aliquota IVA agevolata.

TORNA SU